Il blog del Leomajor di Pordenone

L’abbiamo immaginato come un luogo per abitare il vostro Liceo come una comunità pensante.

I suoi contenuti tutto ciò che contribuisce a dare un senso alla nostra vita: la letteratura, la lettura, il cinema, il teatro, la musica, discutere di tutte queste cose in un reciproco scambio.

Nel menu della barra in alto sono presenti alcune categorie del blog:

  • libri 2.0: consigli di lettura, interviste ad autori e a discussioni su alcuni temi di attualità;
  • il questionario di Proust: una persona (non solo legata alla scuola) si sottoporrà al famoso test della personalità;
  • cosa leggono i prof….lo potete immaginare. Attenti, però: potrebbero esserci sorprese!;
  • è un bel film: consigli per andare al cinema o noleggiare un dvd;
  • sciptamanent: un angolo per chi vuole scrivere racconti, poesie o anche solo un tema ben riuscito.

Nel menu sottostante c’è spazio per le nuove acquisizioni e per il catalogo online dei libri della nostra biblioteca. Inoltre sono presenti alcune delle attività dell’istituto legate al mondo della scrittura e della lettura.

Nella colonna di destra nel Nocciolo d’oliva troverete una frase d’autore da assaporare e rigirare in bocca. Le librerie di classe sono le biblioteche di Anobii che raccolgono tutto ciò che la vostra classe leggerà per ricordare, condividere e, magari, intrecciare nuove amicizie «di libro».

Siamo su Flikr, su Twitter e su Facebook.

 

Iscrivetevi al blog e seguitelo: crescerà solo grazie a voi!

 

 

2 thoughts on “Il blog del Leomajor di Pordenone

  1. DISCUTIAMO SULL’ ART. 67 DELLA COSTITUZIONE

    Siamo una classe di studenti liceali che nelle ultime settimane ha approfondito, nell’ambito del programma di storia ed educazione civica, alcuni temi della nostra Costituzione, in particolare quello della rappresentanza. Ciò ci ha stimolato ad intervenire sulle affermazioni fatte da Grillo in questi giorni proprio su questo stesso tema. Grillo ha dichiarato (la Repubblica 04.03.2013) che, in base all’articolo 67 della Costituzione : “ L’eletto può fare, usando un eufemismo, il c… che gli pare, senza rispondere a nessuno”. Ed ha aggiunto che, nel caso in cui qualcuno dei neoeletti decida di tradire gli elettori e cambiare partito, si dovrebbe “prenderlo a calci.”
    Per quanto ci riguarda vorremmo discutere la questione pacatamente richiamando innanzitutto l’attenzione sul significato che ha la distinzione tra “mandato imperativo” – in cui il rappresentante è vincolato alla volontà del rappresentato – e “mandato libero”, in cui il rappresentante non deve sottostare a nessun vincolo. Nel pensiero politico moderno, a partire da Hobbes, il sovrano, che il popolo fa nascere attraverso il patto politico, esercita il suo potere in modo indipendente, assoluto, senza dover essere autorizzato da altri. Il sovrano decide in modo incondizionato sulla base del presupposto che esso solo incarna l’interesse generale identificandosi con l’universalità della ragione, sciolta dagli interessi particolari, dai privilegi e dalle convenienze di questo o quel ceto sociale. Mandato libero, nella teoria e nella prassi politica moderna, non significa pertanto mandato arbitrario, ma soltanto non asservito a una parte qualsiasi, imparziale, in quanto istituito per tutelare i diritti di tutti gli individui indistintamente. Nel passaggio dall’assolutismo al liberalismo il principio del mandato libero non è stato scalfito. Il sovrano è divenuto il Parlamento, nel quale ciascun membro è chiamato a rappresentare l’insieme della Nazione. Ciò che è cambiato è che il mandato è, si, libero ma revocabile, in quanto temporaneo (dura da un’elezione all’altra).
    L’assenza di vincolo di mandato, che è principio sostanzialmente liberale, è prevista dalla nostra Costituzione all’art. 67 – “ Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato”- ed è un presidio irrinunciabile in tutte le Costituzioni liberaldemocratiche. Con il passaggio dal liberalismo alla democrazia, e con l’estensione universale del diritto di voto, abbiamo assistito ad un’ulteriore evoluzione politica che ha prodotto un pluralismo di visioni politiche e la formazione di diversi partiti politici, i quali hanno contribuito a rendere la vita politica più articolata e più dialettica. Tutto ciò ha comportato il riconoscimento del preminente ruolo dei partiti nella vita politica come risulta, per quanto ci riguarda, dall’art. 49 della nostra Costituzione: “ Tutti i cittadini hanno il diritto di associarsi liberamente ai partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”.
    Ma anche in questa nuova cornice il mandato dei rappresentanti del popolo non è stato sottoposto ad alcun vincolo formale. E’ certamente vero che il deputato, in un sistema democratico maturo, si trova di fronte a una doppia lealtà (e a una doppia rappresentanza): da un lato quella, tradizionale e formale, nei confronti dell’intera popolazione e, dall’altro, quella assunta nei confronti della parte politica a cui ha aderito, condividendone programmi e finalità politiche. Noi crediamo che non si possa eliminare la prima lealtà senza correre il rischio di trasformare i partiti in istanze autoritarie, sacrali, a cui sarebbe dovuta un’obbedienza cieca e finendo per concepirli come un tutto che non ammette alternative legittime. Ma, d’altra parte, riteniamo che anche la lealtà alla parte politica, a cui si è scelto liberamente di aderire, sia un valore da tutelare, contro i trasformismi e le scelte di convenienza. Tanto più se ciascun partito svolge la sua azione rispettando, al proprio interno, la trasparenza e il metodo democratico (ciò a cui i partiti dovrebbero essere obbligati).
    Detto questo ci sembrerebbe utile discutere della possibilità che il rappresentante, pur restando libero di dissentire dal suo partito o, al limite, di staccarsi da esso per aderire ad un’altra parte politica, possa fare ciò pagando qualche prezzo in modo da non alimentare dubbi sulle motivazioni ideali e politiche delle sue scelte (per esempio perdendo il diritto a candidarsi nelle elezioni successive).

    Gli alunni della II D del Liceo classico “G. Leopardi” di Pordenone

  2. Molto interessante, ragazzi! Speriamo che quanto avete scritto possa essere letto, meditato e anche applicato da chi di dovere e che, un domani, ve ne ricordiate quando occuperete posti di rilievo in una società plausibilmente più civile di quella attuale.
    Tiziana Del Bianco

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...