Quando il computer diventa una seconda pelle

Un dispositivo elettronico ultrasottile e simile a un tatuaggio temporaneo, da applicare sulla pelle senza fili né colla, potrà monitorare molte funzioni dell’organismo che oggi vengono controllate collegandosi a elettrodi o ingombranti macchinari. Il «super cerotto» è stato messo a punto da un gruppo di ingegneri e altri scienziati guidato dall’università dell’Illinois, negli Usa. Grazie alle sue innovative proprietà, e in particolare a una serpentina elettronica morbida e flessibile come la pelle, il dispositivo è in grado di assecondare le rughe e le proprietà meccaniche della cute umana. Oltre alla raccolta dei dati relativi all’attività di muscoli, cuore e cervello, questo tatuaggio elettronico – spiegano i suoi inventori su Science – può anche essere utile ai pazienti con disturbi neurologici o muscolari anche gravi. Per esempio i malati di Sla, aiutandoli a comunicare interfacciandosi con speciali computer. I ricercatori hanno inoltre scoperto che, se applicati a livello della gola, i sensori del ’cyber tattoò sono in grado di distinguere i movimenti muscolari durante la fonazione, aprendo nuove strade per la cura della patologie della laringe. «Da non sottovalutare poi l’aspetto ludico: »«Questa nuova tecnologia derivata dalla microelettronica – sottolineano gli scienziati – è stata testata anche per il controllo di un videogioco, dimostrando il potenziale di interfaccia tra uomo e macchina». «Uno dei principali vantaggi – affermano i ricercatori – è che il funzionamento del dispositivo non necessita di un gel conduttore o di un collegamento. Non deve penetrare nella pelle o avere fili ingombranti. Il suo segreto è nella sua comodità e libertà per il paziente che lo porta». La piastra su cui aderisce il «super cerotto» è inizialmente montata su un sottile foglio di plastica solubile in acqua, poi laminato con la stessa per aderire alla pelle «nello stesso modo con cui si applicano i tatuaggi temporanei», spiegano gli ingegneri. «Il nostro obiettivo – afferma John A. Rogers, coordinatore della ricerca – era quello di sviluppare una tecnologia elettronica in grado di integrarsi con la pelle in un modo che è meccanicamente e fisiologicamente invisibile per l’utente. Quella trovata quindi è una soluzione che cancella la distinzione tra elettronica e biologia». La nuova sfida per il team è integrare i vari dispositivi montati sulla piattaforma «in modo che funzionino insieme come un sistema – si augurano – piuttosto che individualmente. E di aggiungere anche la funzionalità wi-fi».

L’articolo completo e gli approfondimenti sono disponibili all’indirizzo: http://www.lastampa.it/cmstp/rubriche/girata.asp?ID_articolo=9377&ID_blog=30&ID_sezione=38

Advertisements
Questo articolo è stato pubblicato in Agorà da rc . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...