Il dialogo creativo

Cultura+Appartenenza+Cittadinanza da sabato 2 febbraio a sabato 26 febbraio 2013

Inaugurazione, sabato 2 febbraio 2013 – Biblioteca Civica Pordenone

Inizia sabato 2 febbraio alle 17.45 in Biblioteca Civica il ciclo di appuntamenti dal titolo “Il dialogo creativo”, una rassegna di incontri, proiezioni video, mostre, per riflettere sulla presenza in città di nuove religioni e culture, dovuta all’immigrazione. L’iniziativa è promossa dal Comune di Pordenone, in collaborazione con la Biblioteca Civica e la cooperativa per il commercio equo e solidale L’Altrametà. L’inaugurazione dell’evento coincide con quella della mostra di foto e testi dal titolo “Di madre in figlia”, realizzata da Elisa Cozzarini, in collaborazione con l’Unione delle comunità e associazioni di immigrati della provincia di Udine (UCAI).

La mostra dà voce a undici coppie di mamme e figlie di origine straniera, provenienti da Marocco, Albania, Romania, Malesia, Senegal, Costa d’Avorio, Niger, Cina, India, Venezuela e Argentina. Dalle interviste emergono le differenze generazionali e culturali dei punti di vista sull’Italia, il paese in cui le madri, immigrate, hanno scelto di vivere e dove le figlie sono nate o hanno passato gran parte della loro infanzia. Questo influisce in modo molto forte sull’identità, sulla visione del paese d’origine e dell’Italia. La scelta di fotografare le madri si basa sul fatto che il fenomeno migratorio cambia volto, diventa stabile, proprio con l’arrivo delle donne, la formazione delle famiglie, il radicamento sul territorio. Tipicamente femminile è la capacità di mediare, stringere e conservare legami, da un lato con il paese di arrivo, l’Italia, dall’altro con la cultura d’origine.

All’inaugurazione intervengono, oltre all’autrice della mostra e curatrice del progetto “Il dialogo creativo” Elisa Cozzarini, il critico d’arte Chiara Tavella, pordenonese, e Arminda Hitaj, cittadina italiana nata in Albania e presidente dell’UCAI. Introduce Alessandra Gabelli, presidente dell’associazione L’Altrametà. Ad accompagnare l’iniziativa, la giovane violoncellista Ilaria Del Bon interpreterà canti popolari albanesi, del Sud e del Nord del Paese, trascritti dal compositore Aulon Naçi. «Ho scelto tre canzoni melodiche, adatte a essere interpretate con uno strumento come il violoncello, che con il suo timbro caldo assomiglia alla voce umana», spiega Naçi. Nato a Valona trent’anni fa, Naçi si è laureato con il massimo dei voti al Conservatorio Tomadini di Udine e attualmente insegna al Conservatorio di Bruxelles. L’incontro si tiene in Sala Degan, dove sono esposte per tutta la durata della rassegna, opere d’arte della pittrice, poetessa, scrittrice e musicista ucraina Natalia Bondarenko.

“Il dialogo creativo” prosegue con tre appuntamenti il giovedì sera, alle 20.45 nella Sala Teresina Degan in Biblioteca civica: il 7 febbraio vengono proiettati i video “Nuovi italiani. Cartoline dall’Italia” del regista Massimo Garlatti Costa, il 14 c’è l’incontro con lo psicanalista e scrittore Luigi Ballerini, autore di “Non chiamarmi Cina!”, il 21 febbraio le autrici Mah Aissata Fofana, del Mali, e Natalia Bondarenko, raccontano cosa significa scrivere in una lingua diversa da quella materna, l’italiano. La rassegna si conclude sabato 23 febbraio, con un appuntamento dedicato alle nuove generazioni.

PERWEBdepliantILDIALOGOCREATIVO

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...